Vangelo di Vangeli

Tornare alla Sorgente


Il Libro

Gesù scaccia gli spiriti maligni



Portarono a Gesù un uomo che era cieco e muto, perché uno spirito maligno era dentro di lui. Gesù lo guarì e quello si mise a parlare e incominciò a vedere. E tutta la folla sbalordita diceva: «Non sarà costui il Figlio di Davide che aspettiamo?». Ma certi maestri di Legge che erano venuti fin da Gerusalemme dicevano: «Belzebù, il diavolo, è dentro di lui. È con l’aiuto del capo dei demoni che egli ha il potere di scacciare i demoni». Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse loro: «Voi mi ingiuriate! Ma come può Satana essere in lotta contro se stesso, ribellarsi contro se stesso ed essere diviso? Come potrebbe durare il suo regno? Se Satana si mette contro se stesso e non è più unito, il suo potere sarebbe finito.»

«Ora se io scaccio i demoni con l’aiuto di Belzebù, il capo dei demoni, con l’aiuto di chi li scacciano i vostri discepoli? Perciò saranno proprio loro a mostrare che avete torto. E se è vero che nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rubare i suoi beni, se prima non riesce a legarlo, sarà pur vero che io scaccio i demoni per virtù dello Spirito di Dio , ed allora vuol dire che è giunto per voi e fra voi il regno di Dio. In verità vi dico: Potranno essere perdonati tutti i peccati che gli uomini avranno commesso e tutte le bestemmie che diranno, anche se uno parlerà male del Figlio dell’uomo potrà essere perdonato. Ma chi avrà bestemmiato o avrà detto una sola parola contro lo Spirito Santo non sarà perdonato, né ora né mai, né in questo secolo, né in quello futuro, perché ha commesso un peccato irreparabile: sarà reo di colpa eterna». Gesù dichiarò tutto questo perché qualcuno aveva detto: «Uno spirito maligno è dentro di lui».

«Ma fate attenzione: Quando uno spirito maligno esce da un uomo, se ne va per luoghi aridi cercando sollievo, ma se non ne trova, allora dice: ‘Tornerò nella mia casa da cui sono uscito’. E tornato la trova vuota, pulita e ben ordinata. Allora va a chiamare altri sette spiriti, più maligni di lui; poi, tutt’insieme, entrano in quella persona a prendervi dimora come a casa loro. Così, alla fine, quell’uomo si trova in condizioni peggiori di prima. E così avverrà anche per voi, gente malvagia di questa generazione perversa».