Vangelo di Vangeli

Tornare alla Sorgente


Il Libro

Gesù è la via che conduce al Padre



Gesù disse ancora ai suoi discepoli: «Non siate tristi, perché vi ho detto queste cose, ma abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Fratelli, per poco tempo ancora rimango con voi. Come ho già detto ai Giudei e ai capi ebrei, lo dico ora anche a voi: ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre, colui che mi ha mandato. Devo continuare a fare la sua volontà e compiere la sua opera fino in fondo. Nella casa del Padre mio vi sono molti posti e io vado a prepararvi un posto. Voi mi cercherete e non mi troverete, ma poi ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io. Dove io vado voi non potete venire, anche se del luogo dove io vado, voi conoscete la via». Tommaso ribatté: «Signore, ma noi non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la strada?».

Gesù gli disse: «IO SONO LA VIA, IO SONO LA VERITÀ E LA VITA. Io sono la vera vite e voi siete i tralci: Chi rimane unito a me e io in lui produce molto frutto. Invece se uno non rimane unito a me, è gettato via come i tralci che diventano secchi e che la gente raccoglie per bruciarli, perché senza di me non potete far nulla. Chi ha visto me, ha visto il Padre, egli abita in me, ed è lui che agisce. Se conoscete me, conoscerete anche il Padre, ma solo per mezzo di me si va al Padre. Infatti tutto quello che vi dico, lo dico come il Padre l’ha detto a me: il Padre che mi ha mandato, egli stesso, mi ha ordinato che cosa devo dire e annunciare. Io so che l’incarico che ho ricevuto porta la vita eterna. In verità , in verità vi dico: Anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi. Io vi assicuro che il Padre vi darà tutto quel che gli domanderete nel mio nome. Fino ad ora, non avete chiesto nulla nel mio nome. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò. Chiedete e otterrete, perché la mia gioia sia anche la vostra, e perché così la vostra gioia sia piena».