Vangelo di Vangeli

Tornare alla Sorgente


Il Libro

L'ipocrisia dei farisei



Nel frattempo si erano radunate alcune migliaia di persone e si accalcavano gli uni sugli altri. Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Tenetevi lontani dal lievito dei farisei che è la falsità e non fidatevi dell’insegnamento dei farisei e dei sadducei». Mentre insegnava Gesù diceva anche alla gente e ai suoi discepoli: «Non fidatevi dei maestri della Legge, lasciateli dire! Sono ciechi, vogliono far da guida ad altri ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due andranno a cadere in una fossa! Diceva: i maestri della Legge e i farisei hanno l’incarico di spiegare la legge di Mosè. Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non imitate il loro modo di agire: perché essi insegnano, ma poi non mettono in pratica quel che insegnano.

Preparano pesi impossibili da portare e poi li impongono sulle spalle della gente. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dagli uomini: a loro piace passeggiare con vesti di lusso, allungano le frange dei loro vestiti, desiderano avere i posti d’onore nelle Sinagoghe e i primi posti nei banchetti, desiderano essere salutati in piazza ed essere chiamati «maestro». Essi sono pronti a ricevere l’omaggio dagli uomini ma non si preoccupano di ricevere la lode da Dio ! E in apparenza fanno lunghe preghiere solo per farsi vedere.

Ma state sicuri, ogni pianta che non è stata piantata dal Padre mio che è in cielo sarà sradicata e ogni albero che non fa frutti buoni sarà tagliato e buttato nel fuoco. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dalle spine, né si vendemmia uva da un rovo. Perciò io vi dico, farisei e maestri della Legge: Vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare. Per cui è certo che il vostro peccato vi porterà alla rovina e sarete giudicati e condannati con estrema severità. Voi leggete continuamente le Scritture credendo di avere in esse la vita eterna: ebbene, anche loro testimoniano di me! Io sono venuto perché abbiate la vita, una vita vera e completa, ma voi non volete venire a me per avere la vita eterna. Le opere che io sto facendo, quelle stesse opere che il Padre mi ha dato da compiere, testimoniano a mio favore. Esse dimostrano che il Padre mi ha mandato, ma voi non avete mai ascoltato la sua voce e non avete mai visto il suo volto, perché voi non avete fede nel Figlio che egli ha mandato. Ma io vi conosco e so bene che non amate Dio. Non capite che sbagliate? Voi non conoscete le Scritture e non sapete cosa sia la potenza di Dio! Eppure la Sapienza di Dio è manifestata dalle sue opere!».